32 km a piedi per non fare tardi al lavoro

Un giovane studente di nome Walter Carr ha fatto di tutto pur di non arrivare tardi al lavoro e deludere il suo datore. E a volte la fatica viene ricompensata.

Spesso ci impegnano e diamo il meglio senza ottenere nessuna gratificazione ma questo non è il caso dello studente universitario dell’Alabama; Walter Carr era pronto per il suo primo giorno di lavoro ma qualcosa è andato storto.

Dopo essersi preparato e essere salito in macchina, si accorge che l’auto non vuole partire. Walter però non si è dato per vinto, e pur di raggiungere in orario il luogo di lavoro ha camminato per ben 32 km. È partito a mezzanotte per arrivare alle 8 in un’altra città e durante il tragitto fortunatamente è stato anche aiutato dalla polizia che gli ha offerto un passaggio e la colazione.

Ma non è finita qui, ed il meglio deve ancora arrivare. La cliente per cui Walter doveva fare il trasloco ha scritto la storia del ragazzo su vari social network tra cui Facebook e l’amministratore delegato dell’azienda per cui lavora Walter, Luke Marlin, ha deciso di ricompensarlo. Si è presentato a casa del ragazzo e ha deciso di regalargli la sua auto: una Ford Escape. Queste le parole del CEO: «Questa è la mia auto, ora vorrei che diventasse la tua. È più utile nelle tue mani che nelle mie».Naturalmente il giovane è rimasto sbalordito e senza parole per l’emozione. Ne lui ne nessun altro si sarebbe aspettato una cosa simile.

Finalmente ci troviamo di fronte ad una storia a lieto fine in cui le persone in gamba, tenaci e ambiziose vengono ricompensate per gli sforzi compiuti.